Intelligenza artificiale, mi apri la porta?

Alcuni studiosi dicono che tra poco più di dieci anni le macchine saranno intelligenti quanto l’uomo.
Possiamo crederci o no, ma se fate caso che molte operazioni che compiamo ogni giorno sono piuttosto meccaniche e quindi prevedibili, possiamo immaginare che siano eseguibili senz’altro da una macchina. Immaginate da soli un po’ di esempi ed io penso sarete d’accordo con me.
Andare in stazione, prendere il treno, arrivare al lavoro, fare un lavoro ripetitivo.
Anche coloro che si ritengono “geni” in realtà potranno essere soppiantati in molte loro attività quotidiane assolutamente banali.
Per difendere un po’ il genere umano possiamo pensare che nel prendere decisioni immportanti per la nostra vita utilizziamo quantità di informazioni basate sulla nostra esperienza di vita, cioè ad esempio la nostra conoscenza del territorio in cui viviamo e il comportamento delle persone che conosciamo ormai da anni. E’ possibile che una macchina non possa avere accesso a tali informazioni, dato che non sono mai state digitalizzate da nessuno. Il fatto che il vicino possa essere poco degno di fiducia dato che qualche anno fa in una situazione ben particolare in cui noi eravamo in difficoltà ci aveva trattato con freddezza e ci aveva lasciato soli, pur essendo educato, è una informazione che anche dopo molti anni ci fa essere diffidenti nei suoi confronti. Magari ci ricordiamo addirittura l’odore che avevamo percepito in quel frangente.
Un altro esempio a nostro favore è il caso di persone che vivono intensamente in società comunicando con tantissime persone e creando relazioni di svariati generi con persone aventi ciascuna un bagaglio di esperienze differente. Come potrebbe una macchina fare lo stesso?
Tornando al giorno d’oggi per intelligenza artificiale possiamo intendere un modo per elaborare le informazioni più variegate che possono giungere tramite una serie di sensori differenti.
Grazie a processi elaborativi autoapprendenti è dimostrato come sia possibile modellare le risposte della macchina in modo da essere sempre più efficienti quanto più si fa “esercitare” tale sistema.
Possiamo tranquillamente non crederci che questo processo “cognitivo” automatico prenda mai il sopravvento rispetto alla mente umana, ma se tornassimo a quindici anni fa avremmo creduto che più di un miliardo di persone avrebbero parlato con lo smartphone per impostare il navigatore dell’auto senza staccare le mani dal volante? Avremmo forse immaginato, come è realmente successo al sottoscritto, che un’auto vi avrebbe svegliato da un colpo di sonno mentre eravate alla guida?
Se sono stato per un po’ di tempo un no man, oggi ritengo sia meglio capire come utilizzare questa crescente tecnologia, che sfrutterà sempre di più sistemi di elaborazione progettati apposta per tale scopo.
Gli ambiti da esplorare sono molteplici, dagli use case specifici e come in realtà essi possano essere modellizzati da un sistema che ha tutto tranne che un cervello umano.
Bisogna poi considerare che una macchina non si stanca, al limite serve fare un tagliando e via, riparte di nuovo. Quindi qualsiasi processo cognitivo avviene ad una velocità molto maggiore di noi essere umani e, concentrando le esperienze di tutte le macchine “pensanti”, si accrescerebbe ancor di più, come se noi potessimo viaggiare in tutto il mondo e farlo decine di volte al giorno a fare tutti insieme un resoconto.
Ma perchè parlare di questo scenario, che sembra così lontano?
La necessità è essere preparati al suo arrivo e per farlo dobbiamo sperimentarlo, ad esempio iniziando, per chi non lo avesse fatto, ad utilizzare gli assistenti vocali medianto il nostro smartphone, che è un modo semplice di rendersi conto, al passare dei mesi, come la correttezza delle risposte possa o meno aumentare. Se dovesse aumentare significa che le reti neurali sono progettate bene ed utilizzano le prove fatte da tantissime persone.
Se un giorno arrivassimo a casa e non avessimo le chiavi potremo chiedere all’assistente vocale di aprirci la porta. Se la risposta sarà “non ti aprò perchè ieri mi hai trattato male” inizierei invece a preoccuparmi abbastanza.

 

Version francais

Certains chercheurs disent que dans un peu plus d’une décennie, les machines seront aussi intelligentes que l’homme.

Nous pouvons le croire ou pas, mais si vous remarquez que de nombreuses opérations que nous effectuons chaque jour sont plutôt mécaniques et donc prévisibles, nous pouvons imaginer qu’elles peuvent être réalisées par une machine. Imaginez quelques exemples et je pense  que vous serez d’accord avec moi.
Aller à la gare, aller au travail en train, faire un travail répétitif.
L’homme intelligente qui s’estime qu’il ne peut pas etre remplancer par la machine en réalité dans son quotidien  tout comportement est banal.

Pour les personnes, à travers leur experience passè et leur vécu nous pouvons  nous pouvons prendre  des decisions  importantes  qui changera la vie du quotidien, imaginons ce que fera une IA .
Il est possible qu’une machine ne puisse pas avoir accès à toutes ces information, puisqu’elle n’a jamais été numérisée par qui que ce soit.

Le fait que le voisin peut être peu digne de confiance depuis quelques années dans une situation très particulière dans laquelle nous étions en difficulté, nous avions l’épaule froid et nous ont laissés tranquilles, mais poli, est une information qui, même après de nombreuses années nous fait nous méfier de lui. Peut-être que nous nous souvenons même de l’odeur que nous avions perçue dans cette situation.
Un autre exemple en notre faveur est le cas de gens qui vivent intensément dans la société en communiquant avec beaucoup de gens et en créant des relations de différentes sortes en dehors du travail, mais qui deviennent parfois décisives pour leur propre perspective de vie. Comment une voiture peut-elle faire de même?
En revenant de nos jours à l’intelligence artificielle, nous pouvons comprendre un moyen de traiter les informations les plus variées qui peuvent provenir d’une série de capteurs différents.
Grâce aux processus de processus d’auto-apprentissage, il est montré comment il est possible de modéliser les réponses de la machine de manière à être de plus en plus efficace au fur et à mesure que vous “exercez” ce système.
Nous pouvons en toute sécurité ne crois pas que ce « processus cognitif » automatique ne jamais prendre le pas sur l’esprit humain, mais si je suis retourné à il y a on aurait pu penser que plus d’un milliard de personnes parleraient avec votre smartphone quinze ans pour définir le système de navigation de la voiture sans prendre les mains du volant? Nous aurions pu imaginer, comme cela m’est vraiment arrivé, qu’une voiture vous réveillerait d’un coup de sommeil pendant que vous conduisiez?
Si je n’ai pas été un homme depuis un moment, aujourd’hui je pense qu’il est préférable de comprendre comment utiliser cette technologie en pleine croissance, qui exploitera de plus en plus les systèmes de traitement conçus spécifiquement à cet effet.
Il existe de nombreux domaines à explorer, à partir de cas d’utilisation spécifiques et comment ils peuvent être modélisés par un système qui a tout sauf un cerveau humain.
Il faut alors considérer qu’une voiture ne se fatigue pas, à la limite il faut faire une coupe et partir, ça recommence. Ainsi, tout processus cognitif se produit à une vitesse beaucoup plus grande que nous les humains et en se concentrant les expériences de tous les « pensée » des machines, est encore plus augmenterait, comme si nous pouvions voyager à travers le monde et faire des dizaines de fois par jour faire un rapport ensemble.
Mais pourquoi parler de ce scénario, qui semble si loin?
Le besoin est d’être prêt à son arrivée et pour ce faire, nous devons faire l’expérience, par exemple, à partir, pour ceux qui n’avaient pas, d’utiliser les lecteurs d’écran medianto notre smartphone, qui est un moyen simple de réaliser, les mois passés, comme l’exactitude des réponses peut ou non augmenter. Si cela devait augmenter, cela signifie que les réseaux de neurones sont bien conçus et utilisent les tests effectués par de nombreuses personnes.
Si un jour nous rentrons à la maison et que nous n’avons pas les clés, nous pouvons demander à l’assistant vocal d’ouvrir la porte. Si la réponse est “n’a pas ouvert parce qu’hier vous m’avez mal traité”, je commencerais à m’inquiéter assez.

Windsurf passion takes me during 2014 from Lake Como to Redbull Storm Chase in Cornwall

Redbull Storm Chase 2014 – Cornwall

Feeling the Storm

I see the Redbull helicopter … yeah it really exists!
I’m on the beach with the best windsurfers of the world.

Windsurfers hands are freezing, my jokes are not so well accepted.
They can’t use gloves, it is power power power windsurf!!!
Their bodies fit the wetsuit very amazing ..
I think they pass many hours in the gym in order to have these muscles.

Moving to the second hit

Windsurfers move to another place, they have to climb …

I walk on the sand to get to the second spot.

The second hit

Windsurfers are in the middle of 5 metres high waves, struggling with the board ad the sail with only their muscles.
I imagine to be in the sea and I know I could last some seconds…
High jumps!
But my love is aerial off the lips: it is like to declare to be stronger than waves, because you can fly on them.
One hour hit it is normal for these super heros: they fall in must high waves and than they water start as nothing happened.
If someone crash a sail in a couple of minutes a jetsky is there to bring a new sail … it seems so easy !!!!!!

How I got to Cornwall from Italy Como Lake

Redbull TV has an alert for tomorrow!
My wife is easy to convince, because my passion for windsurf born in 1997 is so strong.
I will see the best windsurf athletes in the world.
I will breathe the same wind in Cornwall!
I love extreme!
But I need to organize very quickly: a plane, a car, an hotel.
It seems easy!!!!
Let’s stop normal life and go to extreme!

Comfort zone … does it exist?

After landing in London I got a rent a car, but some issues appear:

  • drive to the left
  • it is raining
  • it is dark
  • never driven car with automatic transmission
  • big car with ten thousand incomprehensible buttons, also has voice commands
  • I’m really tired
  • the hotel closes at midnight, like Cinderella!
  • car hire type puts me in the wrong address of the hotel

I find myself wandering in the night a bit ‘randomly, crazy …
Arrival at the wrong hotel.
At the Golf Club I find a guy who humanly corrects the GPS setting.
Landing at 11:59 pm at the right one …
I sleep from 1:30 am to 3:00 am and then I leave for Cornwall.

From London to Cornwall by night … safety first

The navigator says … 5 hours and 58 minutes to Gwithian …
My driving resistance is nothing, because I get bored immediately, so I imagine it will be my last trip.
It’s pitch dark, I do not know where I’m going, I have to be there at 9:00. I listen to the news that continues to give catastrophic forecasts on Cornwall.
I try all the Volvo safety devices in order.
There are at least three degrees of alerts based on when I snake right and left. 
A yellow spot appears in the middle of the dashboard
Then a message appears to stop and rest immediately.
At one point I do not know what the hell I did, but the dashboard turns red and a loud noise wakes me up pretty well.
Thanks car!

Myself … www.opensurf.it

opensurf yourself :    communicate + have fun + be strong

 

alla fine dico alla fisioterapista … e ora voglio fare l’ironman

Mia figlia nasce nel 2008, mi responsabilizzo e lavoro troppo.
Le uscite in windsurf si fanno più sporadiche, non più due volte alla settimana, come facevo prima.
Poi capita proprio una giornata col vento forte, vado, come se non ci fosse un domani!!
Chiaramente cado e sento crack alla schiena, i muscoli non sono pronti!

CRACK

Il problema non si manifesta subito, iniziano dolorini ogni tanto, che io ignoro e tengo solo per me, molto saggiamente.
Dopo un paio d’anni vado in bagno al mattino e … per tornare a letto devo chiamare Laura, mia moglie.
Da qui un delirio di ernia del disco di tre anni per trovare l’approccio giusto, che fortunatamente non richiede di essere operato.
Ma in contraccolpi psicologici sono forse peggio di quelli fisici!
La fisioterapista mi insegna gli esercizi con la gymball, che aiutano e rinforzare i cosidetti core muscles, ovvero i muscoli vicini alle vertebre in basso alla schiena, non si vedono ma solo moolto utili!
Tali esercizi richiedono quindici minuti a casa appena svegli per un anno.

There is no gallery selected or the gallery was deleted.


E come dire ai muscoli: “SVEGLIATEVI, SERVITE PER FARMI STARE IN PIEDI TUTTO IL GIORNO!!”.

Sono una persona cocciuta, e bisogna esserlo, perché altro che windsurf, qui si rimane bloccati per tutta la vita, niente passeggiatine con moglie e figlia, niente di niente.
Ero caduto nella tristezza più totale!

Alla fine dell’ultima seduta dico alla fisioterapista ….. “e ora voglio fare l’ironman entro il 2020″.

Avete in mente quel triathlon impossibile? Sì, quello.
Parto con un triathlon in agosto in Repubblica Ceca, ma quelli con la mountain bike senza le molle, perchè sono un originale …
Compro una bici da corsa ed una mountain bike un po’ in grazia e faccio tutto l’inverno iniziando l’allenamento per il triathlon, animato dal puro buon senso della gradualità.

Nel 2015 ho portato a termine ben quattro cross triathlon di lunghezza olimpica, tipicamente 1500m di nuoto, 30km di mountain bike con un bel po’ di salite, 10km di corsa sempre nei sentieri.

Nel 2016 l’11 giugno riesco a portare a termine l’Xgardaman Extreme (2000m nuoto, 56km mountain bike con 1800m di dislivello e 18km di corsa con 900m di dislivello) e poi partecipo il 25 giugno all’ ITU Cross Triathlon European Championship, svolta tutta nel fango e in parte sotto la pioggia.

11 giugno 2017: obiettivo ironman, più esattamente questo
http://challengevenice.com .
Il mio obiettivo non è fare il tempo, ho 45 anni e non voglio strafare, ma impegnandomi un poco negli allenamenti, e facendomi dare sapienti consigli da persone più esperte, rispetto al peso medio che avevo dai 20 ai 43 anni, sono calato di 7 chili e la mia forza resistente è incredibilmente aumentata, ma, soprattutto, il mal di schiena non ce l’ho più! Spero 🙂

Con diversi stratagemmi riesco a combinare i miei allenamenti con la logistica familiare quotidiana, e, ovviamente, alla sera sono stanco…
Grazie al supporto della famiglia tutto ciò è possibile!
Chiaramente non mi faccio mancare windsurf, scialpinismo, e quel che capita.

Xgardaman Extreme – 11 giugno 2016

Il cross triathlon, cioè il triathlon con la mountain bike
Trattasi di 2km di nuoto, seguiti da 56km in mountain bike con 1800m di dislivello e poi 18km di trail con 500m di dislivello.

 

Perchè lo faccio?
Non si sa, per rimanere in forma e per un gusto di sfida.

La preparazione
Mi sono fatto aiutare da un allenatore, il quale ha inizialmente cercato di impostarmi una tabella, ma poi, vedendo che non la seguivo, mi ha suggerito due semplici regole: 13 giorni di allenamento su 14 e ogni 10 giorni 2 ore di bici seguite da una di corsa. Eppoi occhio all’alimentazione durante la gara.
Insomma, le ho seguite alla perfezione, gestendo la logistica degli allenamenti nella vita quotidiana.
Ad esempio andavo al lavoro con la mountain bike passando dalle montagne. O prima di fare un trail di corsa in montagna mi facevo un giro in bici. Tutte cose giuste, senza mai strafare onde evitare infortuni, primo motivo di abbandono.
Sono anche riuscito nell’intento di non cadere con la mountain bike, secondo motivo di abbandono.
Insomma ecco il risultato!

Xgardaman a Toscolano Maderno
https://goo.gl/photos/Eg82ovHddWpWFpCd7

La conclusione
Mi mancava un pò di “gamba” nella mountain bike eppoi in discesa sono un po’ impedito, ma intanto senza strafare, né rischiare scioccamente di cadere, ecco che il risultato me lo sono portato a casa!

La mountain bike è bella anche se non plana

Pensavo che la mountain bike fosse una stronzata. Da windsurfista una cosa che non plana è inutile.
Il 2014 è stato l’anno in cui ho fatto il primo giro tosto coi pedali bloccati, ma senza ammortizzatori, grazie al mio collega detto Papà. Discesa di 1200 metri senza le manopole … alla fine avevo le mani con una riga rossa e non riuscivo neanche a chiuderle.
Ecco a fine 2014 la prima full, una bella Mondraker usata.

E mi faccio quattro cross triathlon nel 2015.

A fine 2015 la vendo e piglio la Specialized Epic … bellissima.
Si, perché anche se faccio cross country, voglio stare comodo, visti anche i problemi di ernia del disco.

E finalmente siamo alla gita di domenica 22 maggio per effettuare test Xgardaman Extreme, triathlon che mi preoccupa alquanto.
È più lungo di un mezzo Ironman, ma con la mountain bike.

Arrivamo precisi a quella che sarà la zona cambio.
Sì, invece di andare da solo, sono andato con altre persone, magari sono meno concentrato sulla prova percorso, ma almeno sono in compagnia e ne approfitto per conoscere nuove persone.
Effettuiamo il test della muta … sì, il Garda è come il mare!!
Partiamo con le mtb e, dopo qualche difficoltà, siamo sul percorso corretto, segnato alla perfezione.
Le prime salite sono ripide proprio e danno l’idea di come sarà il percorso, 27km e 900m di dislivello.
A parte uno che sfiamma via da solo alla velocità della luce (il suo soprannome infatti è Superman) siamo in tre.
Salitone a discesone si susseguono, difficili ma mai pericolose.
Il panorama è mozzafiato sul paesino e il lago sottostanti.

Ci vuole un po’ di allenamento, certo, sennò sarà più una sofferenza che un divertimento, ma ne vale la pena.

Verso la fine incontriamo un altro amico, per varie vicissitudini era un pelo in ritardo.
Non importa, siamo pronti per il secondo giro, intanto gli altri si rilassano al bar in spiaggia
(Attenzione, posto ideale dove lasciare le mogli).

Mangiata banana partiamo.
Belli convinti ecco altri 27km e 900m di dislivello.
Arrivati a metà la digestione della banana crea scompensi, ma stringiamo i denti e tiriamo dritto rallentando un pelo.
Concludiamo il giro e alle 18 partiamo, trovando un pò di coda.

Insomma, una bellissima esperienza veramente rigenerante e formativa un pò per tutti.
Siamo riusciti a provare il percorso alla grande portando a termine un’escursione abbastanza impegnativa di mountain bike, favoriti anche dal fatto di essere in compagnia.

Dai, forse la mountain bike ha un senso, anche se non plana.

Duathlon come pretesto per socializzare

Effettivamente ho cercato di farlo in compagnia, ma tutti avevano di meglio da fare: al che mi dico, io vado in bici e poi corro, qualcuno ci sarà pure in giro.

ore 6:00 – Como

Preparo con meticolosa attenzione la bici e la zona cambio

Mi dico, adesso o mai più, parto deciso a fare la frazione mountain bike senza timori (il tempo è perfetto e mi sento bene).
Poco prima di immettermi nella statale un moscerino mi si infila nell’orecchio sinistro, un po’ di panico mi coglie, mi affiorano alla mente quelle cose terribili degli egiziani in cui degli insetti maledetti non uscivano più dall’orecchio creando dolori insopportabili.
Effettivamente l’insetto non mi esce dall’orecchio, per quell’eternità probabilmente misurabile in decine di secondi.
Mi salvo quindi da una fine atroce e salgo da Como verso Albavilla lungo la strada, con l’idea di tornare dai monti.

Da Albavilla la salita sterrata dello Zoccolo è solitaria, non vedo il cerbiatto che quasi sempre fa capolino nella prima boscaglia.
Ad un certo punto raggiungo un tizio, lo saluto, si gira e mi fa: “io non ti conosco“, e allora gli spiego che sono abituato a salutare tutti.
Lo invito a venire con me alla baita Patrizi, ma lui rifiuta gentilmente visto che è diretto altrove.
Incontro lungo tale percorso un altro signore che ricambia il saluto, mentre trovo un gruppo di signori e ragazzi scorbutici, che mi ignorano completamente: saranno invidiosi che non hanno la bici??

ore 8:00 – monte Boletto

Arrivo nei pressi della cima del Boletto dove la foto è d’obbligo

La mia negazione per i sentieri non è sufficiente per perdermi, è proprio impossibile.
Arrivo in un attimo a rif. Boletto e da lì faccio il record, ebbene sì, della discesa fino a Como

record

ore 8:45 – Como

Arrivo in zona cambio verso le 8:45, appena un attimo prima della partenza della mezza maratona, il tempo di mettere la bici in macchina, puntatina al bagno, e sono sulla linea di partenza.

Sono tutti concentrati, invece io mangio il cioccolato.

Ed inizia, la corsa, fortuna che becco la mia prof delle medie e la facciamo tutta ad un’andatura ragionevole, senza forzare e godendoci il panorama, eh sì, perchè lo sport serve per socializzare, a cos’altro sennò?

La corsa è sempre la corsa – semplice e rilassante

L’empatia è una malattia?

Me lo chiedo da tempo, saran tre giorni.
Se ci fate caso è come nevralgia, malattia, mania, …
Gli esempi sono innumerevoli.
D’altro canto tutti mi rompono con sta storia che bisogna stare in gruppo, essere capaci di andare d’accordo con le persone, essere gentili.
Beh, lo faccio, e mi piace pure stare insieme agli altri, se fossi un eremità a chi romperei le scatole con le mie fissazioni?

Ma ecco un esempio abbastanza chiaro di cosa intendo: tanti anni fa andavo in barca a vela, eravamo in tre, e si trattava di una barca piccola, un 470 antico.
Era molto interessante la cosa: avevamo restaurato la barca, poi avevamo fatto alcune uscite, divertendoci un sacco.
Un brutto giorno gli altri hanno avuto altri impegni ed io mi son ritrovato solo.
Ebbene, sono passato all’windsurf, e per dodici anni ho praticato esclusivamente quello.

E’ sicuro che dobbiamo essere consapevoli del famoso detto: da soli si va più forte, insieme più lontano.

E allora ribalto il concetto: provate a tenere a casa un windsurfista in una giornata di vento da nord, magari perchè il gruppo dei suoi amici ha un compleanno o un matrimonio.
Ebbene, non ci riuscirete.

Non ho parlato dell’empatia, ma è in qualche modo legata a questo ragionamento.

I piedi vanno asciugati …

Ecco, il monocorona è tratto, mi sono autoincoronato, e dopo una scelta oculata sullo sviluppo metrico ho scelto la corona troppo grossa che semplicemente non glielafarò a spingere in salita.
Il lavoro ottimo è stato compiuto dal mio tecnico di fiducia Manuel.
Per chi non lo sapesse si toglie la doppia davanti con incredibili benefici in termini di peso e fantastici malefici per le conseguenze che ciò comporta.

Fa niente, questo è il destino, verifichiamo nel classico percorso Olgiate Comasco Albavilla – Capanna Mara – Erba

Gomme cross country ad alto indice di scorrevolezza, cioè vuol dire che scivolano sempre …
Giornata perfetta, il temporale arriva alle 18:30, ho tutto il tempo di arrivare al lavoro passando dalla capanna Mara, lavorare, tornare a casa.

Tutto ciò in teoria…

Primo tuono ad Albavilla, me ne frego.
Fino alla Trattoria Alpina vado su che è un piacere, ovvio … è poco ripido. Proseguo coi tuoni tonanti verso la Trattoria Zoccolo, tutto ok. Inizia lo sterrato, i tuoni ce li ho alle spalle, la montagna davanti a me è bella libera.
Faccio finalmente il tratto sterrato ripido, insomma, riesco!
Il test non è completo, ma fa niente vediamo di portare a casa la pelle.

Scendo a tuono in mezzo ai tuoni, sempre più vicini

Ultimo pezzo verso Erba sotto pioggia torrenziale, fantastico con le maniche corte.

Consiglio, dopo la doccia, di asciugarsi molto bene i piedi, sennò mettere le calze è un vero casino.

Percorso:

Giretto in bici sul San Genesio sul percorso della Marathon Brianza

Arrivo con largo anticipo a Casatenovo, come quando si è in gara.
Saltino al bar per conoscere i locali!
La sala è piena di persone che alla domenica mattina si danno appuntamento.

image

Partenza alle 9:20 con le bici! Siamo in quattro ed abbiamo un navigatore esperto e un biker pure forte.

La bici è decorata con barrette energetiche e la borraccia è quella grossa grossa.

Il percorso stimato è di 68km, quello della Marathon Brianza … Tipo 2000 m di dislivello positivo.

Appena si arriva alla prima ho la conferma che gli altri vanno più forte, vabbe’…

Salite molto impegnative sui sassi umidi e discese tecniche, ma non pericolose, si susseguono in un panorama fantastico, bosco rado che lascia intravedere sempre anche il panorama.

Ad un certo punto affermo: “ragazzi, siamo al km.15, cioè ad un quarto”.

Non si sa bene come i muscoli tengono, la gomma dietro pure dopo averla rigonfiata.

Rientriamo alla base con 54km in 4 ore e mezza.
Bella storia, assolutamente non banale!

Quando credi che è finita, non credere alla tua psiche indulgente, mancano 30km e 24 “strappetti”.
strappetto=salitina infernale più corta di 2km.

Consiglio di volere arrivare fino in fondo senza chiedersi il motivo, così ce la farete sicuro (se il fisico tiene).

Il tempo libero

Se va così di moda essere saggi, comportarsi bene e fare progetti a luungo termine, è giusto anche programmare diversi giorni prima pure tutto il nostro tempo libero con ritrovi di ogni tipo, feste, ricorrenze, ecc ecc ?

Vorrei proporre un esercizio a tutti: basta impegni nel tempo libero, la regola è semplice, si decide il mattino stesso.

Pro: sarete più liberi
Contro: diventerete antipatici a molti

Ahahahah!

Opensurf Yourself Blog